Sede Legale: Via Mondovì 2 - 20132 Milano
Sede Amministrativa: Piazza Libertà 12 - 20873 Cavenago Brianza Tel. e Fax 0295.339.580
e-mail: - P.Iva e C.F. 04013320967 - Rea 1719096

 


Impianti Antincendio


Prevenzione Incendi


Certificazioni Antincendio


Sicurezza Lavoratori


Formazione Lavoratori


Impianti Elettrici



classificazione delle aree con pericolo di esplosione (Atex)

La Direttiva 1999/92/CE, con l’obiettivo della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, impone al datore di lavoro una valutazione delle zone potenzialmente a rischio di esplosione e la conseguente adozione delle opportune misure di sicurezza e prevenzione, nel caso in cui sussista la possibilità di pericolo. La scelta delle apparecchiature destinate all’impiego in aree valutate come “a rischio esplosione” dovrà pertanto ricadere su prodotti conformi alla Direttiva ATEX.

Esa Studio effettua la classificazione delle aree con pericolo di esplosione, secondo la Norma
CEI 31-35 terza edizione.

Il datore di lavoro è, inoltre, tenuto a redigere un documento sulla protezione contro le esplosioni, in cui saranno registrati i risultati ottenuti dalla valutazione delle zone pericolose e tutti gli interventi messi in atto, fra cui la prevenzione della formazione di miscele esplosive, la segnalazione del pericolo e l’installazione di impianti adeguati.

Il rischio nelle aree con atmosfera esplosiva è ben differente in funzione della durata per cui questa può effettivamente verificarsi. Un ambiente in cui il gas o la polvere sono presenti in concentrazione pericolosa per poche ore l’anno, non può essere considerato al pari di un’area in cui la miscela pericolosa è sempre presente.

A tal proposito, le Norme delle serie EN 60079 ed EN 61241 definiscono tre differenti zone, in funzione del livello di pericolosità, ed il legame fra queste e la categoria di prodotto installabile.

Ad esempio, negli impianti di aspirazione delle polveri, all’interno dei silos, la presenza dell’atmosfera esplosiva è quasi costante, quindi l’ambiente è classificato come zona 20, ovvero la più restrittiva.

Dove l’atmosfera esplosiva, sotto forma di polvere combustibile nell’aria, ha probabilità d’essere presente occasionalmente durante il normale funzionamento, come ad esempio nelle immediate vicinanze delle aree di carico e scarico delle polveri, l’ambiente è classificato come zona 21.

Le aree in prossimità delle bocche di aspirazione sono, invece, classificate come zona 22, in quanto l’atmosfera esplosiva ha probabilità molto bassa d’essere presente durante il funzionamento ordinario e, se ciò si verifica, è per un tempo molto limitato. Quest’ultima zona risulta solitamente la più estesa, in quanto rientrano nella classificazione tutte le aree adiacenti a sfiati di involucri di filtri, ad apparecchiature che si aprono raramente e luoghi dove sono stoccati e manipolati sacchi o confezioni.

La classificazione delle aree soggette alla formazione di atmosfere esplosive dovute alla presenza di gas si svolge in modo analogo a quello visto per le polveri.

Le zone identificate in questo caso sono:
  • zona 0, dove l’atmosfera esplosiva è presente di continuo o per
    lunghi periodi;
  • zona 1, dove la presenza di un’atmosfera esplosiva è possibile;
  • zona 2, dove la presenza di un’atmosfera esplosiva è poco presente
    e, se si verifica, permane per un tempo limitato





Le sentenze
Modulistica VV.F.
Termini antincendio

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 22.09.2011 n. 221 della S.G., il DPR n. 151 del 01.08.2011 recante il Nuovo Regolamneto di Prevenzione incendi, finalizzato alla richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi.

Il nuovo regolamento tende allo snellimento dell'attività amministrativa e alla semplificazione dei procedimenti con l'introduzione di diverse classificazioni aziendali.